Alla faccia del heritage!

Oggi abbiamo fatto i turisti a Lucknow ma potevamo farne a meno. Non sapevamo che fosse una città storicamente musulmana e ci siamo rimasti male. Sarà una questione di cultura ma dove ci sono musulmani in india il traffico è più caotico, le città molto più sporche e spesso a noi "infedeli" vengono negate le camere in albergo e gli ingressi ai luoghi pubblici.
Per noi non è un problema, se non ci vogliono andiamo da un'altra parte, è sufficiente guardarsi attorno e se le donne hanno il capo scoperto è un buon quartiere per fermarsi con la certezza di essere i benvenuti.
Qui a Lucknow la fregatura è il centro storico dove ci sarebbero tante belle cose da visitare ma è tutto a gestione  islamica quindi sporco, trascurato e costoso, tre caratteristiche che qui usano riassumere in una parola: heritage.
Abbiamo il palazzo del nababbo con giardino, moschea e labirinto, le antiche porte della città, altre moschee qua e là, il pozzo a gradini e alcuni edifici dell'epoca coloniale.
Il tutto conciato da buttar via..
Siamo stati al Bara Imambara, il palazzo del nababbo: ingresso 50 rupie, stranieri 500 e noi ieri abbiamo cenato con 400.. La struttura è della fine del 1700 ma sembra abbandonata da mille anni, non 250.
Fatiscente, sporca, spoglia ma comunque luogo sacro in cui camminare scalzi su passatoie fangose.  Deposito scarpe? 2 rupie per loro e 25 per noi, qui proprio non siamo i benvenuti. Infatti ce ne siamo andati prima ancora di terminare la visita.  Poi luogo sacro fino ad un certo punto, perché il palazzo dovrebbe essere sacro? Eppure ci sono i cartelli che lo specificano. Capisco la sacralità della moschea infatti lì fuori c'è anche scritto che noi non possiamo entrare. La torre dell'orologio che c'è appena fuori dalle mura è ancora in buone condizioni, probabilmente perché essendo stata costruita dagli inglesi non è sacra. Comunque la gestione locale lascia l'orologio indietro di 10 minuti. Mai smentirsi, mi raccomando!
Naturalmente dopo la prima fregatura abbiamo dato un occhiata dall'esterno alle altre discariche e ci siamo dedicati al cibo di strada... indù..
Foto del giorno: uno scorcio del complesso Bara Imambara. Fuori è trascurato ma dentro è peggio.





                     CONTINUA

Commenti

Posta un commento