Farnesina aiutaci tu.

Domani inizia il viaggio di ritorno verso casa anche se non sarebbe il caso.
Ci sta tanto a cuore la vostra salute,  cari compatrioti, e non vorremmo portare a casa qualche virus che va tanto di moda. Siamo più vicini alla Cina che all'Italia e anche ieri abbiamo incrociato un centinaio di turisti cinesi... pericolo!! 
Dovrei chiedere alla Farnesina se ci offrono una quarantena tenendo anche a ricordare che il nome quarantena deriva da "40 giorni" quindi solo due settimane sarebbero poche per la vostra sicurezza. Per migliorare l'isolamento saremmo anche disposti a vivere da soli in barca e un bel cabinato potrebbe fare il caso nostro.
Ho detto "viaggio di ritorno", che parolona.. Questa volta non c'è stato neanche il viaggio di andata! Già il tempo era ridotto all'osso e l'itinerario geograficamente limitato, mettiamoci dentro anche i problemi con le moto e il viaggio non è mai iniziato. Comunque è stata una bella vacanza sicuramente diversa dal solito. Stavo realizzando che questa volta abbiamo fatto gli infedeli: nei nostri viaggi ci piace adornare la moto con amuleti e santini locali e di solito ci facciamo anche benedire al tempio di turno ma non questa volta e, guarda caso, abbiamo stabilito il nuovo record di forature e danni alle moto. Io mi sono sicuramente incrinato un malleolo col saleng e per non farmi mancare niente ieri ho anche rotto un dito del piede. Lo metterei come foto del giorno ma è così nero che fa impressione.
Noi siamo dei perfetti miscredenti e non siamo superstiziosi perché la superstizione porta sfiga ma ci piace abbracciare la cultura locale sia per rispetto, e sia perché non si sa mai, e devo ammettere che siamo sempre stati fortunati. Questo mese ci siamo fermati ben due volte fuori dallo stesso tempio senza mai entrare ad accendere un incenso, non abbiamo neanche avuto l'occasione di comprare qualche portafortuna floreale dalle venditrici ai semafori e questo è stato il risultato. 
Di solito, riguardo la religione/superstizione, si dice "Non è vero ma ci credo" ma nel nostro caso direi che non ci credo ma è vero..
Domani inizieremo a risalire verso Krabi con tappa in una delle tante sorgenti termali dove magari passeremo la notte. Ci serve un bagnetto a 40 gradi perché questo mare che ne ha solo 32 è gelido!
Le sorgenti hanno la temperatura ideale per la proliferazione batterica e, se saremo fortunati, magari incontreremo anche qualche pullman di cinesi. Farnesina! Prepara la barca!
Oggi non facciamo niente. Io riposo il dito e curo la nuova ustione da snorkeling mentre paola cerca di uniformare le sue scottature sotto il sole mattutino. Abbiamo due pasti offerti e della birra di palma da far fuori così credo che oggi faremo attività sportiva con la tavola. Non quella da surf ma quella da pranzo.
Intanto siamo andati a salutare Eva e Phil, la coppia di francesi giramondo, che sarebbero dovuti partire stamattina ma hanno deciso di rimandare di un giorno e partire domani con noi verso le terme. 
Se il posto ci piacerà potremo anche passare la notte con loro in camper.

Foto del giorno: paradiso incontaminato.
Ecco una foto ad hoc, Paola nello splendido mare di Koh Kradan.
Quello che non si vede sono i 15 motoscafi a destra, le 30 long tail boats a sinistra, la carretta del mare con 100 cinesi sudati nei giubbotti salvagente, il mucchio di spazzatura alle mie spalle, il carretto pieno di trolley che i poveri facchini del resort stanno trascinando sul bagnasciuga e l'orda di turisti che si finiscono a birra sotto il sole. Oltre allo schifo immaginate anche il rumore.